Oggi, 13 Dicembre è Santa Lucia, e qui in provincia di Brescia è una data speciale. I bambini non stanno nella pelle nell’udire quei campanellini che preavvisano l’arrivo di una notte speciale. Lavati i denti, messo il pigiamino, i bimbi corrono nel letto a far la nanna in attesa dei loro doni e dolcetti.

Ma perché c’è questa tradizione di Santa Lucia? Io mi sono trasferita qui 5 anni fa e non avevo idea di questa usanza, così, finalmente, mi sono documentata.

Anticamente, il 13 dicembre era visto come il solstizio d’inverno, e da qui nasce il detto che ho messo come titolo. Non una giornata qualunque, se si pensa che anche nell’antica Roma il solstizio era un periodo di festeggiamenti, i Saturnalia, che duravano una settimana! Un’occasione per festeggiare Saturno, il dio che dominava l’età dell’oro, quando gli uomini vivevano in eguaglianza e felici; così in questi giorni si banchettava e ci si travestiva con  maschere. Queste feste sono, inoltre, all’origine del nostro Carnevale.

Oggi è diventata una festa religiosa e la tradizione della santa martire che porta i doni ha diverse origini. Qui in provincia di Brescia si narra che, nel XVI secolo, la città fosse stata colpita da una grave carestia e che alcune signore di Cremona abbiano così distribuito dei sacchi di grano ai meno fortunati (ci si riallaccia idealmente all’età dell’oro e di eguaglianza citata prima!) attraverso una carovana di asinelli. Lo fecero però di nascosto, durante la notte e al risveglio la città pensò ad un dono divino. Nacque così la tradizione dei doni della santa durante la notte tra i 12 e il 13 dicembre.

Ma qual è la vera storia della santa? Lucia era una giovane e bella donna, vissuta nel III o IV secolo, promessa in sposa. Un giorno la madre ebbe una grave emorragia e lei andò a Catania sulla tomba della martire Agata per pregare e questa le si mostrò e le disse di dedicare la sua vita ad aiutare i poveri. Ruppe il fidanzamento e così fece. Il fidanzato, poiché così non avrebbe ottenuto la dote la accusò di essere Cristiana (in questo periodo vi erano le persecuzioni di Diocleziano!) Questa venne presa e giustiziata in pubblico, anche se, inizialmente, né uomini forti, né il fuoco riuscirono a piegarla per volere divino. È solo dal XV secolo che si parla dell’episodio in cui le vengono strappati (o si strappa) gli occhi.

S.Lucia davanti al giudice
Santa Lucia davanti al giudice, Lorenzo Lotto

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...